Creare Ebook con le proprie foto è possibile grazie ad un’app

Dimenticate i vecchi voluminosi album di fotografie. Grazie ad un applicazione per IPad vi sarà semplicissimo creare un Ebook con la raccolta delle vostre immagini preferite. L’app si chiama Pholium ed è stata già scaricata numerosissime volte negli States.

Dalla galleria del tablet gli utenti possono importare le fotografie che possono essere modificate migliorandone la luminosità, il contrasto e l’esposizione. Inoltre, le foto possono subire una serie di molte altre modifiche allettanti per gli utenti: dal semplice bianco e nero fino ad effetti più particolari. Anche la copertina può essere personalizzata a piacimento. Una volta che le immagini sono state selezionate l’applicazione le assembla in ebook creando anche effetti animati e sonori come, ad esempio, le pagine che girano frusciando rumorosamente.

Grazie a Pholium i vecchi album di fotografie diventano ebook tematici per ricordare le vacanze o altri eventi speciali. Lo studio fotografico si trasferisce all’interno dell’IPad dove avviene il lavoro. L’unico limite è che l’ebook può (per ora) contenere un massimo di 42 fotografie.


Una volta completato, l’ebook è pubblicato nella libreria dell’applicazione da cui gli utenti possono scegliere di condividere l’album con gli altri utenti che usano Pholdas. Ogni ebook può essere inviato ad altre dieci persone gratuitamente. I destinatari che non usano o non hanno acquistato Pholium possono ricevere la raccolta di foto in formato Pdf.

Nonostante il suo successo, l’applicazione fa storcere il naso agli esperti di internet e di fotografia digitale. In primo luogo per il suo costo eccessivo. L’applicazione è, infatti, venduta su ITunes a 9,99 dollari. Gli esperti non si sentono di raccomandare un’applicazione abbastanza riduttiva. Questo perché non tutti usano l’applicazione, non tutti possiedono un tablet e ultimo ma non meno importante, ci sono molti altri modi gratuiti di condividere fotografie. Però, volete mettere il fascino dell’ebook su un tablet?

© Riproduzione riservata.