Diventare sviluppatore in ambiente iOS

Vi piacerebbe poter realizzare un’app per IPhone e IPad? Avete qualche idea in mente ma non sapete come poter mettere in moto il processo di creazione? Che sia un gioco, una utility o altro sono moltissimi gli appassionati che vorrebbero dare vita alle loro idee ma non sanno proprio da dove cominciare. Il mondo delle app e l’ambiente di sviluppo iOS può essere, infatti, parecchio scoraggiante ed impegnativo non solo per i neofiti ma anche per gli esperti. Ciò non significa che quello delle applicazioni non sia un mercato in espansione.

Del resto da quando l’iPhone è stato introdotto nel gennaio del 2007 numerosi sono stati gli aggiornamenti sia hardware che software. L’utente è divenuto sempre più dipendente da questo dispositivo mobile perché in grado di risolvere una serie di svariati problemi che prima erano risolvibili solo in parte dal computer. Grazie all’iPhone si è diffuso a macchia d’olio il mercato degli smartphone che ha consentito a molte imprese di comunicare in un modo tutto nuovo. Le applicazioni vendute sull’App Store sono ideate e vendute dagli stessi sviluppatori il che significa una diffusione diretta sul mercato. Erano soltanto 500 le app disponibili sull’App Store al momento del suo rilascio in versione beta nel luglio 2008. Il primo miliardo di applicazioni scaricate fu raggiunto nell’aprile del 2009. 18 miliardi sono state le applicazioni scaricate fino ai primi di ottobre 2011. All’inizio di questo anno lo Store conta oltre 556.000 applicazioni di ogni genere.  Un mercato, quello dell’App Store stimato oltre 7,08 miliardi di dollari.

Con questo articolo cercheremo di indirizzarvi sulla strada corretta da percorrere. Prima del lancio del nuovo iOS Mountain Lion potreste diventare dei veri sviluppatori. Se alle prime due domande che vi abbiamo posto avete risposto affermativamente, allora non vi resta che continuare a leggere qui sotto!

Da dove iniziare. Per prima cosa è necessario registrarsi con Apple come sviluppatore. Il sito a cui collegarsi  http://developer.apple.com/ios.  Cliccando sulla voce Register in alto a destra potrete collegarvi ad una pagina in cui è illustrata una panoramica dei programmi per sviluppatori. Dopo esservi registrati accederete ad un kit di sviluppo software (Xcode oltre che strumenti vari) oltre ad una serie di documenti tecnici che imparerete a conoscere molto bene nel corso del tempo. Molti sono i codici d’esempio che si possono consultare messi a disposizione per voi direttamente dalla Apple. Quando volete potete iniziare cliccando su Get Started. Qui farete il login con la vostra ID Apple (ovvero l’account di iTunes/iCloud) oppure creare una nuova ID che poi sarà collegata direttamente al vostro nuovo account da sviluppatore. L’ID sarà anche lo strumento che userete per accedere all’iOS Dev Center un sito dal quale potete scaricare SDK oltre che accedere a campioni e documenti di codice. Seguite le istruzioni sia per fare login con la vostra ID Apple sia se avete bisogno di crearne una nuova. Dopodicché procederete con l’iscrizione.

Esistono due diversi tipi di account a seconda che sviluppiate applicazioni per uso personale (quindi l’account sarà Individualeoppure se realizzate come società (in quel caso l’account sarà Company). In quest’ultimo caso Apple vi chiederà i documenti a dimostrazione che fate parte realmente di una società. Tra questi, ad esempio, l’atto costitutivo. Successivamente, dovrete creare un profilo che sia esso personale o aziendale. Nel primo caso, ovvero quello del profilo Individuale, dovrete semplicemnete indicare i vostri dati di contatto. Nel secondo caso, ovvero nel caso di profilo Company, dovrete inserire tutta una serie di informaizioni supplementari tra cui il mercato in cui operate e la natura dell’applicazione. Ricordate che il profilo può essere sempre modificato in un secondo momento. Dopo che avrete completato tutte le fasi dovrete scaricare la versione più aggiornata di SDK iOS ed installarla sul computer. Potete scaricare la versione più nuova anche sul Mac Apple Store effettuando la ricerca Xcode e, successivamente, scaricare il programma di installazione. L’Apple Store è preferibile grazie alla sua immediatezza di cui manca, invece, iOS Dev Center che, talvolta, può essere davvero un labirinto angusto.

Dopo aver installato la versione aggiornata di iOS SDK sul vostro computer siete pronti per iniziare a sviluppare l’applicazione che avete sempre immaginato. Però aspettate un momento! Per poterlo fare dovrete imparare l’Xcode e i linguaggi di programmazione adatti a questo scopoIn primis dovete conoscere, almeno in parte, le funzioni operative di Objective-C un linguaggio in uso nell’ambiente degli sviluppatori.

Tom Love e Brad Cox vengono considerati come i padri di Objective-C progettandolo negli anni ’80. Sulle prime, voleva essere un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti oltre che un sottoinsieme del linguaggio C (nato nel 1972). Fu Steve Jobs, dopo aver lasciato la Apple Inc a fondare una società chiamata NeXT che nel 1988 acquisì Objective-C sviluppando frame basati su questo linguaggio. Apple acquisì NeXT nel 1996 e si realizzò Mac OS X che comprendeva Objective-C. Oggigiorno Mac OS X è uno dei sistemi operativi più popolari del mondo e i suoi sviluppatori adoperano anche Objective-C per le applicazioni. Tale linguaggio viene adoperato per accedere a framework quali Cocoa Touch (API).

Sarà necessario che vi documentiate consultando dei manuali appositi che vi aiutino ad orientarvi sia con Objective-C che affrontare Cocoa Touch. Tra le risorse indispensabili di cui potete servirvi, vi segnaliamo alcuni libri utili che non potranno che arricchire la vostra libreria nel caso vogliate divenire dei seri sviluppatori di applicazioni. Tenete presente, però, che non si imparano questi linguaggi in un pomeriggio ma ci vuole tempo e dedizione.

Per partire dalle basi della programmazione in C leggete il libro di Brian W. Kernigham e Dennis M. Ritchie The C Programming Language. Non si può non conoscere Objective-C senza conoscere C. Infatti, il primo è un sottoinsieme del primo e, dunque, sarebbe bene conoscere i valori di base del linguaggio C che si applicano a Objective-C. Il volume vi risulterà di semplice comprensibilità perché gli autori scrivono in modo davvero molto chiaro. Se volete approfondire Cocoa Touch per lavorare su iOS e SDK vi sarà utile leggere Programming iOS 4 di Matt Neuburg. Programming in Objective-C di Stephen Kochan, invece è essenziale per lavorare su Objective-C. Il volume inizia con le basi di C fino ad arrivare a Cocoa.

Come dicevamo prima, realizzare applicazioni iOS richiede tempo e molta pazienza. Ecco perché molti, pur avendo buone idee, non riescono poi a sviluppare concretamente le proprie applicazioni. Un altro aiuto notevole, oltre che dai libri, può venire da diversi siti internet. Già nell’iOS Dev Center di Apple (http://developer.apple.com/ios) potete trovare, come dicevamo prima, liste e liste di codici d’esempio oltre che video tecnici, guide e un forum la cui iscrizione è, però, a pagamento. Il costo di iscrizione costa circa 99 dollari ovvero più o meno 75 euro. L’iscrizione è fondamentale una volta che avete imparato a sviluppare su iOS. Potrebbero essere davvero i soldi meglio spesi della vostra vita. Inserite il Dev Center tra i preferiti perché, spesso, è in grado di risolvere i vostri problemi. http://netm.ag/objective-226  e http://netm.ag/objectivec2-226 che vi delucideranno sulla programmazione in  Object-C; http://netm.ag/cocoa-226 vi aiuterà con i fondamentali di Cocoa e http://netm.ag/helloworld-226 vi darà dei codici di esempio. Su http://www.devapp.it potete confrontarvi con altri sviluppatori in una community variegata e ricca di contenuti.

Una volta sviluppata l’applicazione, che dovrà essere accattivante, curata nella grafica e mai banale, potete provarla su un dispositivo reale. Per farlo, le applicazioni andranno trasmesse all’App Store e da qui si accederà al forum degli sviluppatori al quale vi sarete preventivamente registrati previo pagamento. Da qui potrete accedere anche a iTunes Connect, a iOS Provisoning Portal oltre che a sezioni tutte da esplorare. Un fattore da non sottovalutare è anche quello di poter accedere alle versioni beta prima che vengano rilasciate. Dall’iOS Provisoning Portal potrete impostare i dispositivi su cui far girare la vostra applicazione e creare anche dei profili di sviluppo. Da qui potete abilitare i collaudatori. Ad esempio, se la vostra applicazione è stata sviluppata con 5 collaudatori li aggiungerete al Provisoning Portal per far funzionare la app sui loro dispositivi. Saranno 100 gli slot che riceverete ogni anno e potete aggiungere un solo dispositivo per volta. Gli sviluppatori su iTunes Connect curano le loro app creandone delle nuove o modificando le esistenti.

Il design dell’interfaccia è un’area fondamentale dello sviluppo con iOS. E’ proprio il design dell’interfaccia a rendere l’app usabile ed appetibile al consumatore e può fare il successo o l’insuccesso della stessa. Oltre a Cocoa potrebbero servirvi altri elementi che distinguano la vostra app dalle altre. La maggior parte degli sviluppatori si aiuta con Photoshop. Per capire come applicarlo alle interfacce potete approfondire l’argomento su alcuni volumi. Tra questi vi segnaliamo Design Then Code (http://designthencode.com) di Mike Rundle; iPhone User Interface Design Projects (http://netm.ag/useridesign-226) di Dave Mark, Joachim Bondo e David Barnard e Tapworthy: Designing Great iPhone Apps di Josh Clark (http://netm.ag/tapworthy-226). Internet può essere una brava maestra grazie a i tutorial e agli innumerevoli articoli disponibili sulla materia.

Una volta realizzata la vostra prima applicazione vi sentirete  davvero molto soddisfatti. Certamente non sarà questo articolo ad insegnarvi in maniera assoluta a creare delle applicazioni valide ma speriamo vi sia stato d’aiuto per muovere i primi passi in questo ambiente attraente.

© Riproduzione riservata.