Ieri l’IPhone ha compiuto cinque anni

Cinque anni (29 giugno 2007) sono passati dalla prima comparsa sugli scaffali dell’iPhone, un prodotto che avrebbe rivoluzionato per sempre il mercato della telefonia mobile e non solo. Il primo iPhone aveva il retro di plastica ma il look generale dello smart phone non è cambiato nel corso degli ultimi cinque anni. Esso ha mantenuto, per lo più, la stessa grafica e la stessa dimensione. A cambiare il materiale di cui è composto ed i prezzi. Se le prime versioni da 4GB si aggiravano intorno ai 499 dollari, ora una versione da 8GB può costare 699 dollari.

Quello che è cambiato radicalmente è ciò che l’iPhone può fare e come il dispositivo si è inserito nella vita di tutti i giorni. Cinque anni fa lo smartphone Apple aveva una fotocamera di 2 MP. Una risoluzione davvero bassa se considerassimo gli altri telefoni presenti sul mercato. Inoltre, gli utenti non potevano scaricare programmi da altri fornitori ma l’introduzione di un web browser era già abbastanza per i consumatori neofiti del nuovo modo di usare il proprio telefono cellulare.

Anche se oggi è difficile che le menti dei consumatori separino l’iPhone dall’Apple Store, l’iPhone non ha avuto un proprio ecosistema fino al primo anno del suo lancio cioè nel 2008. Quattro anni dopo c’erano oltre 650.000 applicazioni nell’App Store e sono oltre 400 milioni gli account creati. Se guardassimo un vecchio comunicato stampa della Apple relativo al lancio del telefono originale, vedremmo che il gigante statunitense promuoveva la connessione dello smartphone all’iPod e si rivolse al dispositivo con il termine “iPod dallo schermo più ampio” nel 2007. Evidentemente, sottovalutava il successo che il dispositivo avrebbe avuto.



E’ difficile pensare a come le altre aziende che producono telefoni cellulari possano realmente difendere la loro fetta di mercato. Basti pensare al fatto che Nokia ha annunciato un taglio di personale pari a 10.000 unità entro la fine del 2013. Stessa cosa accadrà in Motion che ha annunciato il licenziamento, giovedì scorso, di circa 5.000 persone. Nonostante ci siano scettici in tutto il mondo, soprattutto tra i possessori di Blackberry, è il caso di dire che il successo dello smartphone di Copertino è lampante.

L’iPhone non sembra aver arrestato la sua ascesa anche se sul mercato sono apparsi competitor forti come quelli basati sul sistema Android. I sud coreani e gli americani di Google, infatti, compresero subito le potenzialità del dispositivo e pensarono di ideare un sistema operativo chiamato appunto Android. La domanda degli smartphone Apple è ancora molto forte. Il primo iPhone in soli 74 giorni è stato acquistato da un milione di acquirenti. L’ultima versione, invece, è stata ordinata in anticipo da 1 milione di persone.  Ne risulta che sono oltre 217 milioni gli iPhone venduti in tutto il mondo.

L’iPhone ha fatto da convergenza tra aree diverse (telefono, lettore musicale e tablet) dando spazio a nuovi modi d’uso e facendo in modo di soddisfare un considerevole numero di esigenze. Sarà interessante vedere come il dispositivo evolverà nei prossimi cinque anni considerando l’avvento degli iPhone prepagati offerti dalla Virgin e dalla Cricket per incentivare l’espansione.

Rita Paola Maietta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.