Regno Unito – un inglese su tre possiede un ereader

Un cittadino britannico su tre possiede un ebook reader. E’ questo il dato emerso da una recente ricerca sui nuovi media condotta in Inghilterra. Una statistica che, se paragonata al 2011 vede un incremento percentuale del 21%. Per contro, la lettura di libri in carta stampata è un’attività calata del 4%. Questa tendenza è dovuta non solo alla diffusione di ereader ed ebook ma anche all’intrattenimento digitale.

Gli ereader vengono considerati come strumento di intrattenimento. Non solo. Spesso vengono percepiti come gadget in grado di assicurare al possessore anche uno status symbol. Complici i prezzi sempre più bassi e le innovazioni tecnologiche, l’ereader sembrerebbe un oggetto che sempre più persone possono permettersi.

La pirateria, però, è in agguato dietro l’angolo. Il 31 per cento dei consumatori intervistati ha ammesso di scaricare copie pirata. Chi ha commissionato la ricerca considera che questo dato dovrebbe far riflettere circa i prezzi troppo alti che si sta cercando di imporre agli ebook. La questione sui prezzi sollevata dalla Apple è, infatti, tutt’altro che sopita.


La ricerca è stata condotta dalla Wiggin, azienda specializzata nella legislazione legata ai media che ha l’intento di aiutare i privati ed i pubblici a divulgare i propri contenuti digitali con particolare attenzione alla loro tutela e protezione. Il sondaggio prende il titolo di Digital Entertainment Survey from Entertainment Media Research.

Le persone intervistate sono state circa 2500 di età compresa tra i 15 ed i 64 anni. Le interviste sono state condotte nello scorso mese di marzo. Tuttavia, dalla ricerca è emerso anche che il 38 per cento degli intervistati non ha intenzione di leggere ebook ne di comprare ereader. Questo dato testimonia che la carta stampata è ben lontana dal decadere come, invece, molti potrebbero pensare.  Due binari paralleli quello della carta stampata e quello degli ebook che, sulla base della ricerca britannica, sembrano coesistere pacificamente.

© Riproduzione riservata.