Un’ondata di maltempo mette k.o. Amazon Cloud

Oltre ad aver mandato k.o. i server di Instagram, Pinterest e Netfix, la tempesta non ha risparmiato Amazon: il suo servizio di Cloud è saltato per diverse ore, nonostante la corrente sia mancata per poco più di mezz’ora e la compagnia disponga di un generatore alternativo che, però, per motivi oscuri, non ha funzionato correttamente.

Sabato mattina il servizio Cloud di Amazon, così come Instagram, ha continuato a non funzionare correttamente e ad andare in bug, causando non pochi disagi agli utenti, preoccupati di aver perso i loro dati. Il centro colpito dall’ondata di maltempo e dalla conseguente mancanza di corrente elettrica sembra essere il data centre di Ashburn. Questo è un sito particolarmente sfortunato, in quanto lo scorso 15 giugno aveva già sperimentato un blackout che aveva creato qualche problema ai server.
È ironico che a creare problemi alla Cloud digitale siano state nuvole vere e proprie, e il fatto ha alimentato i dubbi degli scettici: se da un lato il passaggio al digitale porta innegabili vantaggi, dall’altro spesso tendiamo a dimenticarci che non si tratta di un servizio incorruttibile, e che affidare al digitale tutti i propri dati potrebbe non essere la scelta migliore.

Eugenia Durante



© Riproduzione Riservata

© Riproduzione riservata.