Il mercato degli ebook cresce anche in Italia

I titoli digitali disponibili sono triplicati nel mese in corso per gli utenti italiani. Oggi sono oltre 31.615 contro gli appena 11.271 mila del maggio 2011. A dichiararlo l’Associazione Italiana Editori (AIE) sulla base del rapporto NielsenBookScan. Tutti i dati nel dettaglio saranno commentati domani, 11 maggio, al Salone Internazionale del Libro di Torino 2012 che inizia oggi.

L’indagine si riferisce al mercato del libro 2011 ed al primo trimestre 2012. Mentre a fine dicembre 2010 c’è stato un calo del 20% nella vendita dei libri, in un anno il digitale ha iniziato a far pesare le sue vendite nove volte di più che nel 2010. I lettori sono cresciuti rispetto al 2010 da 567 mila a un milione.

Dal rapporto è emerso che sono le donne a prediligere i libri cartacei per una percentuale pari a 51,7% del toltale. Per contro, gli ebook sono prediletti dagli uomini che rappresentano un 61,5% del totale. Un cambiamento del mercato anche in termini economici con un mercato degli ebook che ora può vantare un valore di 12,6 milioni di euro. Sebbene, ad oggi rappresenti lo 0,9% del mercato generale del libro, il raggiungimento dell’1% è dietro l’angolo. Basti pensare che, nel 2010 il mercato in questione non superava la soglia dello 0,1%. Ciò si traduce in una crescita del 740%.


Un aumento, quello del mercato degli ebook dovuto al diffondersi dei tablet e degli ereader, sempre più a buon mercato ma anche al prezzo medio degli ebook che ha assorbito senza danni l’aumento dell’Iva e che ha visto una diminuzione marginale. Il prezzo medio è, infatti, passato da 11,18 euro a 11,07 euro che ha consentito di mantenere i prezzi generali stabili. Ha aiutato anche la disponibilità di formati diversi e l’immediatezza dell’ebook.

Un segnale di crescita importante per il Bel Paese che, nonostante resti piccolo e non compensa la crisi dei libri di carta, lascia intravedere uno spiraglio di vitalità del mercato.

© Riproduzione riservata.