Lettura digitale: ebook in crescita tra i più piccoli

Sono decisamente interessanti i dati emersi da una ricerca promossa dalla Associazione italiana editori e dall’Associazione italiana biblioteche insieme ai siti Filastrocche.it e Mamamò.it che ha indagato l’utilizzo di ebook tra i bambini e ragazzi da 1 a 14 anni di età. La ricerca, presentata alla Fiera del Libro per ragazzi di Bologna ha lanciato alcuni spunti di riflessione interessanti: vediamo i dati che sono emersi.

Cresce l'utilizzo degli ebook nei giovanissimi da 1 a 14 anni
Cresce l’utilizzo degli ebook nei giovanissimi da 1 a 14 anni

Lettura digitale in crescita tra i bambini e i ragazzi

Il dato principale è che l’utilizzo di ebook e app digitali è cresciuto dal 30.3% del 2013 fino al 34.6% del 2014. Una crescita che testimonia l’ottimo stato di salute dell’editoria digitale italiana (come aveva già ampiamente dimostrato la relazione dell’AIE). Nell’ultimo anno almeno il 16,1% dei più giovani ha utilizzato almeno una volta alla settimana, se non tutti i giorni, un prodotto digitale.

Lo sviluppo del mondo digitale ed ebook non ha però frenato l’editoria tradizionale che si attesta su percentuali decisamente alte. Ben il 72.6% utilizza giornalmente libri cartacei tradizionali soprattutto la sera prima di andare a dormire e in compagnia dei propri genitori. Gli ebook sono preferiti, invece, per l’intrattenimento dei figli e durante i viaggi e le vacanze.

L’opinione delle famiglie è sempre più positiva

L’indagine è stata condotta tramite un questionario online destinato a 700 genitori di figli in età compresa tra 1 e 14 anni e i risultati hanno dimostrato che sempre più famiglie risultano propense all’utilizzo del digitale per i propri figli. Molte famiglie ritengono che essi siano un buono strumento per lo sviluppo delle capacità del bambino e un validissimo aiuto, per esempio, nello studio delle lingue straniere.


Gli ebook e le app, inoltre, sono decisamente economiche e questo consente un risparmio non indifferente nel conto dell’economia familiare. La diffidenza verso l’ebook sta mano mano scemando ma esso non ha ancora raggiunto la stessa dignità di cui gode, ancora, il libro cartaceo: in molti lo vedono ancora come “aiuto” nei momenti in cui è necessario intrattenere i bambini ma per una lettura seria viene preferito, nella maggior parte dei casi, il libro tradizionale.

© Riproduzione riservata.