Rallenta il piano dell’uso di ebook a scuola della Corea del Sud

Il piano di digitalizzazione a scuola pensato lo scorso anno dalla Corea del Sud ha subito un arresto.

La scorsa estate, era stata diffusa la notizia che la Corea del Sud avrebbe sostituito i testi scolastici cartacei con quelli digitali. Entro il 2015, gli studenti avrebbero utilizzato unicamente e-book, e i libri in formato cartaceo sarebbero spariti dai banchi di scuola. Al posto di uno zaino pieno zeppo di testi relativi alle varie materie e discipline che sarebbero state spiegate ogni giorno, lo studente avrebbe quindi dovuto armarsi unicamente di un tablet o di un e-book reader (eventualmente acquistato tramite fondi governativi, se la famiglia non poteva permetterselo). Inoltre, in questo modo avrebbero potuto seguire le lezioni anche gli studenti costretti ad assentarsi dalle lezioni in aula, per esempio, a causa di una malattia.

La Corea ha però dovuto rivedere i suoi progetti, arrivando a dover ridimensionare la digitalizzazione dei testi scolastici. A quanto sembra, i “vecchi” libri cartacei continueranno ad essere utilizzati a scuola, everranno solo affiancati (e non totalmente sostituiti) da quelli in formato digitale. Le motivazioni che sono state fornite per questo parziale cambio di rotta sono essenzialmente due.



In primo luogo, si teme un possibile effetto di dipendenza nei bambini, che spesso soffrono di disturbi di astinenza da internet quando gli viene negata la possibilità di utilizzare la rete internet.

In secondo luogo, si sono fatte strada le preoccupazioni relative ai possibili effetti sulla salute degli studenti a causa di un prolungato utilizzo di questi dispositivi; in particolar modo, ci si è focalizzati su possibili disturbo come affaticamento della vista o disturbi visivi derivati dall’uso di questi device.

In merito a questo secondo punto, c’è da ricordare che l’avanzamento delle tecnologie ePaper a colori potrebbe essere un elemento risolutivo in merito. Inoltre, anche una ditta coreana, la Samsung, sta sviluppando questo tipo di tecnologie. Va sottolineato però che gli stessi insegnanti avevano espresso dei dubbi a riguardo, in particolar modo rispetto al cambiamento piuttosto repentino richiesto e sul fatto che esso dovesse avvenire su larga scala.

E’ bene ricordare, però, che l’utilizzo di e-book può sicuramente diminuire la spesa richiesta ai genitori per acquistare i testi scolastici. Si parla infatti di un risparmio che può andare dal 30% fino al 50%, rispetto all’acquisto dello stesso libro in formato cartaceo.

© Riproduzione riservata.