Ritornare in libreria

In occasione della conferenza stampa che si è svolta ieri nella libreria Luccalibri è stato presentato un nuovo progetto che coinvolge le librerie e gli ebook. Questo progetto prende il nome di Librerie Oasi di Bibliodiversità, e prevede la possibilità che le librerie possano vendere, oltre ai libri in formato cartaceo, anche gli ebook.

Quando si acquista un ebook su uno dei numerosissimi siti di vendita on line, è necessario utilizzare una carta di credito o una carta prepagata (sfruttando il servizio offerto da Paypal). Qualora quindi non si disponesse di uno di questi due strumenti, o si preferisse non utilizzarli, si può rischiare di non poter acquistare nessun ebook.

L’iniziativa Librerie Oasi di Bibliodiversità nasce proprio per dare la possibilità ai lettori di acquistare ebook anche in un negozio fisico, potendo quindi scegliere di pagare nella modalità che più preferiscono (ad esempio in contanti).



Inoltre, questa iniziativa è pensata per portare e riportare il lettore nelle librerie fisiche, in quanto soprattutto le librerie indipendenti stanno vivendo un periodo di forte riassestamento derivante dall’entrata sul mercato di queste nuove realtà tecnologiche. Attraverso questa iniziativa, le librerie possono infatti riuscire a rientrare sul mercato senza perdere una delle loro caratteristiche principali, ovvero la vocazione di mediazione culturale.

Questo è sicuramente un modo interessante di reagire, in quanto trasforma un processso che, se sulla carta può risultare particolarmente penalizzante, in realtà può fornire nuovi spunti e nuove opportunità.

E’ sicuramente vero che si è persa l’abitudine di recarsi nelle librerie fisiche, in quanto spesso è più facile e più comodo acquistare on line. Con qualche click l’ebook o il libro sono stati scelti, selezionati ed acquistati, e al lettore non resta che attendere che i propri acquisti vengano recapitati a casa.

Per contro, però, si perde quella che è l’esperienza di recarsi in un luogo in cui è possibile toccare con mano, sfogliare e saggiare il libro, nonché la componente interattiva (totalmente assente on line) data da uno scambio con il libraio. Sarà infatti capitato a tutti di chiedere consiglio e di ricevere dei suggerimenti o delle informazioni aggiuntive sul testo che si stava cercando, tutti elementi che non possono essere replicati durante gli acquisti on line.

Per chi fosse interessato, la libreria Luccalibri si trova a Lucca (in Toscana) in Corso Garibaldi 54. Per maggiori informazioni si può inoltre consultare il sito web della libreria stessa.

© Riproduzione riservata.