Sistema operativo Tizen: a Febbraio i primi smartphone

Che Samsung stesse sviluppando un proprio sistema operativo, indipendente da Android, lo si diceva da tempo ma fino ad ora non si sapeva esattamente quando gli smartphone con il nuovo sistema operativo Tizen sarebbero stati lanciati. Le notizie delle ultime ore rivelano però che la linea dei nuovi dispositivi dovrebbe essere lanciata a Febbraio 2014 durante il Mobile World Congress che si terrà a Barcellona.

Non si sa ancora molto né sulle caratteristiche dei dispositivi né sui prezzi degli stessi. Nei giorni scorsi sono però trapelate delle foto in anteprima del nuovo sistema operativo Tizen: l’aspetto appare rinnovato rispetto a quello, ormai consueto, di Android anche se in alcune parti l’ispirazione appare evidente.

Alcune immagini del nuovo sistema operativo Tizen di Samsung
Alcune immagini del nuovo sistema operativo Tizen di Samsung

Il settore delle notifiche è molto simile a quello del sistema operativo di Google mentre decisamente diverse, e con un grafica piuttosto accattivante, appaiono la rubrica e gli altri menu. Naturalmente è probabile che le immagini distribuite non corrispondano esattamente alla realtà. A quanto pare Samsung starebbe ancora lavorando al completamento del sistema operativo Tizen e ci potrebbero essere ulteriore modifiche da qui al lancio effettivo dei nuovi dispositivi.

Samsung non si espressa riguardo il nuovo sistema operativo Tizen: non sappiamo quindi quanti e quali modelli, dei nuovi dispositivi della casa coreano, monteranno questo nuovo sistema operativo che non sembra dover comunque interrompere il sodalizio con Android.



Non ci resta altro che attendere Febbraio sperando che sia davvero l’ultimo rinvio per il nuovo sistema operativo Tizen, sviluppato da Samsung che vuole così proporre un OS completamente personalizzato per i propri device. Se il tentativo di Samsung funzionerà potrebbe essere una vera e propria rivoluzione nel mondo della telefonia ma dovremmo aspettare almeno l’uscita del primo dispositivo per saperlo.

© Riproduzione riservata.