Un tablet sotto l’albero

tablet

La Apple, prima leader indiscussa nel mercato dei tablet, questo Natale deve fare i conti con i competitor.

Natale si avvicina e con esso anche la corsa ai regali. Per chi desidera un tablet la scelta più ovvia sembra un iPad. Dietro l’angolo, però, i competitors sono davvero numerosi offrendo tutta una serie di opzioni vantaggiose che non hanno nulla da invidiare al marchio con la mela.

Le ultime versioni dell’iPad da 16 Gb costavano circa 390 euro ed erano dotatate di Wi-Fi. Se si desiderano 64 Gb il prezzo può salire fino a 650 euro e si può accedere alla rete mobile. Con i suoi iPad di quarta generazione la Apple ha voluto aggiungere applicazioni di alta qualità per rendere maggiormente appetibile il dispositivo agli utenti.  Ma anche gli altri tablet stanno iniziando ad arricchirsi sia dal punto di vista tecnologico che da quello delle applicazioni.



Molti consumatori hanno il bisogno di risparmiare e potrebbero interessarsi al nuovo Nexus 10 messo in commercio da poco da Google e il cui costo parte da 315 euro. Il dispositivo, infatti, ha uno schermo più sottile e contiene l’ultima versione del sistema operativo Android 4.2 Jelly Bean che include la possibilità di caricare differenti profili sullo stesso tablet. Un’altra valida opzione è il Samsung Galaxy Tab 2 che contiene anch’esso il sistema operativo Android e il cui prezzo parte dai 270 euro. Un tablet che offre delle applicazioni e delle specifiche tecniche decenti che consente di poter leggere ebook, navigare in internet e scaricare molte applicazioni tra cui anche giochi.

Per coloro che sono fedeli ai prodotti Microsoft la scelta migliore potrebbe essere il Surface, sebbene le recensioni non siano sempre positive. Però, ci si aspetta un aggiornamento il prossimo anno che permetterà di far girare sul tablet tutte le applicazioni previste da un pc desktop.

La Apple, per contro, ha introdotto un nuovo concetto di tablet di dimensioni ridotte ovvero l’iPad mini. Un tablet da sette pollici che sfida la popolarità del Kindle Fire di Amazon o del PlayBook della BlackBerry. Un dispositivo che è molto più maneggevole, a detta di chi la usato e della stessa casa produttrice, utile a chi deve usare un tablet soprattutto per leggere e lavorare. Dalla sua ha anche il prezzo più basso.

Ma anche i competitor hanno provveduto a lanciare tablet di dimensioni più piccole e più economici. Tra questi il Nexus 7 con sistema operativo Android e dal costo di 160 euro per la versione da 16 Gb Wi-Fi. Molto più economico del PlayBook che è venduto a circa 115 euro con 32 Gb di memoria ma che non possiede una vasta gamma di applicazioni e che funziona, per molti, con qualche difetto e frustrazione.  Ad ogni modo per la lettura è il prezzo è ottimo.

I competitor fanno sembrare il costo dell’iPad mini un tantino esagerato ovvero circa 300 euro. Comunque, se doveste acquistare un tablet senza nome da circa 100 dollari per i motivi sopra esposti con qualche dollaro in più potreste portare a casa un tablet con tutti i crismi.

© Riproduzione riservata.