Un terzo dei lettori britannici ha ammesso di leggere ebook erotici

un_terzo_dei_lettori_britannici_ha_ammesso_di_leggere_ebook_erotici

La lettura degli ebook si sta diffondendo rapidamente e proprio i libri digitali sembrerebbero essere il supporto preferito dagli inglesi per la lettura di romanzi osé. Sarà perché gli ebook non prevedono una copertina da nascondere agli occhi indiscreti, ne una materialità evidente.

Circa un terzo dei lettori di ebook britannici ha dichiarato di aver letto romanzi erotici sui propri dispositivi mobili confidenti del fatto che nessun’altro avrebbe potuto vedere, almeno a colpo d’occhio, l’oggetto della lettura. In un sondaggio, condotto su 1.863 persone in Inghilterra questa settimana, il 34% degli intervistati ha ammesso il “misfatto”.

Un altro 57% ha affermato di aver usato il proprio ereader per mascherare il fatto di star leggendo un libro per ragazzi come, ad esempio, Harry Potter anche se il 26% ha affermato di mascherare le proprie abitudini di lettura in generale.



In totale, il 58% delle persone ha ammesso di usare i propri dispositivi per nascondere ciò che realmente sta leggendo. Il sondaggio è stato condotto dalla MyVoucherCodes.co.uk. Mike Pearson direttore dell’azienda ha affermato che possedere un ereader rende più semplici letture di qualunque tipo senza la paura di sentirsi giudicati.

Uno su cinque ha detto di vergognarsi troppo della propria collezione di ebook a tal punto che se dovessero malauguratamente smarrire il proprio ereader non lo reclamerebbero. I risultati hanno anche mostrato che il 71% dei libri sulle mensole delle librerie sono autobiografie, libri di stampo politico e titoli di fiction. Le categorie più popolari di ebook, invece, sono i thriller e i romanzi di mistero seguiti dai romanzi sentimentali, comici e di fantasia. Il 55% degli intervistati dichiara di aver letto soltanto un terzo dei libri presenti fisicamente nelle loro case. Uno su dieci ha, invece, dichiarato di non averne letto nessuno.

Laura Adamuccio

RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.